She used to be mine

Non è semplice da dire
Che nella maggior parte dei giorni io non mi riconosco
Che queste scarpe e questo grembiule
Questo posto e i suoi clienti
Hanno preso più di quanto io abbia dato a loro
Non è facile ammettere
Che io non sono più nulla di quello che ero solita essere
Anche se è vero
Che non sono mai stata al centro di una dolce attenzione
Ricordo ancora quella ragazza

Lei è imperfetta ma lei ci prova
Lei sta bene, ma lei mente
E’ dura con se stessa
Lei si è spezzata e non chiederà aiuto
E’ incasinata, ma gentile
Lei è sola la maggior parte del tempo
Lei è tutto questo mescolato
E cotto in un bel pasticcio
Lei non c’è più ma era solita essere mia

Non è quello che ho chiesto
A volte la vita scivola via semplicemente attraverso una porta sul retro
E costruisce una persona
E ti fa credere che è tutto vero
E ora che ho te
E tu non sei quello che ho chiesto
Se devo essere sincera so che darei tutto indietro
Per la possibilità di ricominciare
E riscrivere un finale o due
Per la ragazza che ho conosciuto

Chi sarà abbastanza spericolato
Chi saprà farsi male ma
Chi impara a temprare quando lei è piena di lividi
E viene usata da un uomo che non può amare
E poi lei si blocca e si sente spaventata
Dalla vita che è dentro di lei
Diventa più forte ogni giorno
Fino a quando questo finalmente le ricorda
Di combattere solo un po’
Per riportare la passione nei suoi occhi
Che se ne è andato ma era solito essere mio

Era solita essere mia
E’ incasinata, ma gentile
Lei è sola la maggior parte del tempo
Lei è tutto questo mescolato
E cotto in un bel pasticcio
Lei non c’è più ma era solita essere mia

Ed io ti penso ma non ti cerco

Non ho smesso di pensarti,

vorrei tanto dirtelo.

Vorrei scriverti che mi piacerebbe tornare,

che mi manchi e che ti penso.

Ma non ti cerco.

Non ti scrivo neppure ciao.

Non so come stai.

E mi manca saperlo”.

Hai progetti?

Hai sorriso oggi?

Cos’hai sognato?

Esci?

Dove vai?

Hai dei sogni?

Hai mangiato?”.

“Mi piacerebbe riuscire a cercarti .

Ma non ne ho la forza.

E neanche tu ne hai.

Ed allora restiamo ad aspettarci invano”.

E pensiamoci. E ricordami. E ricordati che ti penso, che non lo sai ma ti vivo ogni giorno,
che scrivo di te.

E ricordati che cercare e pensare son due cose diverse.

Ed io ti penso ma non ti cerco”.

Bukowski