Maledetto labirinto

Così lo sai,adesso sai…Sì tu lo sai…Si è rotto!
Ogni cosa è inutile quando so che vorrei solo te
Ogni volta fa ridere come io finisca a pensare a te
Anche se non ti chiederò perché io non starò lì ferma immobile ad aspettare che mi spingi sopra il ciglio
Anche se non ti chiederò perché non mi pensare così fragile ed a aspettare che mi guardi andare a fondo come un sasso
A te che sai ,comunque sai,non muore mai Il ricordo
Io non starò lì ferma immobile sd aspettare che diventi ieri adesso e anche se non ti chiederò perché se mi conosci sai che era per te…Speravo mi parlassi di quel giorno, di quel momento maledetto in cui ti ho perso…Maledetto labirinto!
Anche se non ti chiederò perché io non starò li ferma immobile a sentirti dire che non è lo stesso e anche se non ti chiederò perché non mi pensare così fragile da non fermarmi prima di sentir lo schianto e anche se non ti chiederò perché io non starò lì ferma immobile solo per vederti diventare un altro,anche se non ti chiederò perché non mi pensare così fragile
da volerti anche se abbasserai lo sguardo…
E tu prova ad uscirne adesso…E solo tu puoi uscirne adesso…

Molto lontano

Ho preso i loro sorrisi e li ho fatti miei ,ho venduto la mia anima solo per nascondere la luce e ora vedo cosa realmente sono una ladra, una puttana, una bugiarda Corro verso te ,grido il tuo nome ,ti vedo lì, molto lontano Sono intontita da te –intontita, assordata e accecata Tu mi dai tutto ma non il motivo di questo… Tendo la mano ma sento solo l’aria della notte non te, non amore, solo il niente Provo a dimenticarti ,ma senza te non sento niente ,non lasciarmi qui con me stessa ,non posso respirare Corro verso te …Grido il tuo nome …Ti vedo lì, molto lontano Molto lontano Molto lontano Molto lontano

Molto lontano

Sussurro

Prendimi mentre cado ,di che sei qua ed è tutto finito ora…
Parlando all’atmosfera …Non c’è nessuno qui e cado dentro me stessa
Questa verità mi fa diventare pazza
So che posso fermare il dolore se lo voglio…………
Non girarti dall’altra parte,non cercare di nasconderti,non chiudere gli occhi,non spegnere la luce
Sono spaventata da quello che vedo,ma in qualche modo so che c’è altro che deve venire …
Immobilizzata dalla mia paura e presto accecata dalle lacrime posso fermare il dolore se lo voglio
Angeli caduti ai miei piedi
Voci sussurrate al mio orecchio
Morte prima dei miei occhi
Giace dopo di me ho paura
Mi chiama con un cenno
Devo cedere?
Sulla mia fine devo iniziare ad abbandonare tutto quello percui sono caduta…. Mi alzo per incontrare la mia fine

Non Respiro Più

Ho guardato nello specchio così a lungo che ho finito col credere all’esistenza della mia anima dall’altra parte.
Oh, tutti i piccoli pezzi sono caduti distruggendosi…Frammenti di me,troppo taglienti per rimetterli a posto,troppo piccoli per contare qualcosa,ma abbastanza grandi da tagliarmi in tanti pezzettini.
Se cerco di toccarli sanguino e sanguino e non respiro non respiro più…..
Prendo fiato e cerco di trarre un significato dalla fonte dei miei spiriti eppure come un bambino testardo rifiuto ancora di bere.
Dimmi una bugia, convincimi che sono sempre stata il male e tutto ciò avrà un senso quando starò meglio.
Conosco la differenza tra me e il mio riflesso.Non posso fare a meno di domandarmi quali dei due tu ami.
Così sanguino e sanguino e respiro adesso respiro…
Sanguino sanguino e non respiro non respiro non respiro più.


Mi sento segare il cuore con una sega dai denti finissimi.
(Simone de Beauvoir)

Pensare che non l’ho, sentire che l’ho perduta.
Sentire la notte immensa, più immensa senza di lei.
(Pablo Neruda)

Io credo che in certi momenti si possa sopravvivere solo se il cuore muore.
(Maria Stella Conte)

Di un amore finito ti mancano anche i momenti brutti, anche le infelicità.
(Ivan Cotroneo)

Il tempo

A lungo ho lottato

rincorrendo l’anima mia,

legata da un esile filo,

tra le polveri del passato

e le ansie del futuro,

radendo una pazzia

che un senso non ha.

Non c’è più luce nei miei occhi

e sangue ormai

più non scorre

dal mio cuore,

come perse son nella bocca

le mie parole,

mentre l’anima s’annida

impalpabile e appagata

come ombra tra le ombre.

Accarezzo la mia tristezza

e bacio la mia solitudine,

sotto queste stelle immobili

d’un tempo senza tempo,

tra questi silenzi

che circondano il nulla,

e vile,sconfitto,

lento svanisco.

-Il tempo di Angelo Valenzano-

Che ne sarà del mio amore?

image

Quando mangiate una mela,frutto magico e dell’amore,fate schioccare le dita e pronunciate il nome della persona del sesso opposto.Contate i semi completamente sviluppati(tutti gli altri sono baci)e l’ultimo corrisponde ad uno di quelli segnati nella formula seguente:

1 é il mio amore,2 é il mio amore,3 é il desiderio del mio cuore,4 lo avró e mai lo abbandoneró,5 lo getteró nel fuoco,6 lui mi ama,7 ama lei,8 ama entrambi,9 egli arriva,10 egli si trattiene,11 se ne va,12 mi sposa,13 litighiamo,14 ci lasciamo,15 muoriamo col cuore infranto…..

Buona fortuna!!!

Luna del Ghiaccio

Il nome prende ispirazione dal ghiaccio e dalla neve che nel mese di febbraio ricopre la vita,che continua assopita, col suo gelido manto.Rappresenta il momento di guarigione e di cambiamento per quello che a breve verrà alla luce allo sciogliersi del ghiaccio.E’ un momento di analisi interiore e di consapevolezza.

Buon esbat

Imbolc

In Italia è conosciuta come Candelora,è la giornata che richiama la luce che ci illuminerà nel nostro percorso durante l’anno.In questo giorno si consacrano le candele che verranno utilizzate nell’anno.

E’ conosciuta anche come “Giorno della Luce” e ogni membro della congrega prepara manualmente tante piccole candele che illumineranno il sabbat notturno.

La Dea inizia a riprendersi dalle fatiche del parto e la natura inizia a rinascere manifestando calore e nuova vita in tutte le forme.

Mia nonna diceva che preparando una candela a casa e mettendola alla finestra di sera,è possibile vedere la processione dei morti…

Auguro a voi e,soprattutto a me stessa,che questo giorno illumini il cammino da percorrere…

Siate benedetti… )o(